Il computo delle ore a Roma

I romani, fino al III secolo a.C., si limitavano a dividere il giorno in dì (la parte illuminata del giorno) e notte, mentre il dì era diviso tra ante meridium e post peridium, il mattino e il pomeriggio, divisi dal momento in cui il sole era al suo punto massimo (mezzogiorno).

In seguito alla I guerra punica, i Romani portarono in città una meridiana solare realizzata a Catania e, con il tempo, adottarono la divisione in 24 ore di Greci e Babilonesi.

Le similitudini con il nostro giorno (24 ore) finiscono però qui, perchè il sistema di computo romano era molto diverso dal nostro.

Innanzitutto, il giorno era diviso in dodici ore notturne (raggruppate in quattro “vigilie” di tre ore ciascuna) e in dodici ore diurne. Il dì era però diviso in dodici ore dal tramonto all’alba, cosa che portava ad avere ore di durata diversa a seconda della stagione. Spieghiamo con gli esempi in basso.

All’equinozio di primavera e di autunno, (20 Marzo e 23 settembre oggi) le cose sono praticamente uguali al nostro giorno (o molto simili): visto che l’equinozio è definito come il giorno in cui dì e notte hanno la stessa durata. Le ore notturne e diurne romane sono identiche, e di 60 minuti. Come si può vedere, le ore romane corrispondono più o meno alle nostre, con la differenza che “l’ora prima” sono circa le nostre 6 del mattino. L’ora prima è il momento in cui sorge il sole.

In primavera e estate però, le cose sono molto diverse: i dì sono più lunghi della notte, fino alla massima lunghezza del dì, che avviene al solstizio d’estate (21 Giugno). In quella data, come dallo schema in basso, la sesta ora termina sempre alle 12, ma ogni ora romana è lunga circa 1 ora e 1/4. D’inverno è ovviamente vero il contrario: al solstizio d’inverno le ore diurne sono di appena 45 minuti.

Quindi, per esempio, quando S.Benedetto prescrive tre ore di studio d’estate o d’inverno, queste tre ore sono molto diverse! Le tre ore estive equivalcono a quasi 4 delle nostre ore, le tre ore invernali sono solo 2 ore e 1/4 delle nostre.

Tutto questo è approssimativo, perchè ovviamente la durata del giorno e della notte non cambia solo con le stagioni, ma con la latitudine: più si va a nord, più la differenza tra il giorno estivo e quello invernale aumenta: in Britannia, d’estate i dì e le ore sarebbero stati ancora più lunghi, in inverno ancora più corti di questo. Nel sud dell’Egitto, la differenza sarebbe stata meno pronunciata..

Può sembrare un sistema inutilmente complesso a noi moderni, che abbiamo scollegato il nostro tempo dal ritmo del sole, ma in un’epoca senza illuminazione artificiale era molto più comodo gestire il tempo in accordo con il movimento del sole, piuttosto che avere durate fisse delle ore.

La meridiana portatile

Nel tardo impero si affermarono delle meridiane “portatili” che servivano a calcolare le ore in qualunque regione dell’Impero. Ne sono stati trovati diversi esemplari, come questo in greco, cosa che ci fa ritenere che fossero piuttosto comuni. In questo modo, potevano essere utilizzate per conoscere l’ora nelle varie regioni dell’Impero: per esempio qui si può leggere “Costantinopoli, Roma, Antiochia, Askalon (Egitto), Palestina, Cesarea, Dyrrachium (Durazzo), Dalmazia, Thessalonika, Sicilia, Atene, Rodi, Alessandria, Africa, Tebaide (Egitto)”

Le ore canoniche

Questo ebbe un effetto anche sulle cosiddette “ore canoniche” che si affermeranno nel medioevo, e che rimarranno il principale modo di contare le ore del giorno dal VII al XIV secolo. Come prescritto nella regola di S.Benedetto, ci sono alcune ore principali, all’inizio delle quali sono prescritte delle preghiere: la laudi: alle prime luci dell’alba, l’ora terza, sesta, nona e infine il vespro (al tramonto, la fine della dodicesima ora romana). Questo si riflette nelle meridiane medievali, che servivano proprio a segnare l’ora con il sistema romano, ma tenendo conto del ciclo delle preghiere benedettine.

Ecco alcuni esempi di meridiane medievali.

Presentazione del mio libro

Vi ricordo che il 6 aprile 2022 presento “Per un pugno di barbari” presso la sede del Museo Nazionale Romano di palazzo Altemps. Ingresso alle 16:30. Per prenotarsi, inviare un’email all’indirizzo in basso:

 mn-rm.eventi@beniculturali.it

Trovate il link nella descrizione di questo episodio, e potete vedere la locandina sul mio sito.

Vi aspetto! Sarà una serata meravigliosa, non ne dubito.

Il podcast torna lunedì prossimo! Intanto in basso riporto l’intervista con il direttore del Museo Nazionale Romano, Stéphane Verger.


Ti piace il podcast? Sostienilo, accedendo all’episodio premium, al canale su telegram, alla citazione nel podcast, alle première degli episodi e molto altro ancora:

https://www.patreon.com/italiastoria


Vuoi acquistare “Per un pugno di barbari”? clicca al link seguente per Amazon:


Per ordinare da una libreria indipendente (che fa sempre bene!) clicca al link seguente:
https://www.bookdealer.it/libro/9788828206002/per-un-pugno-di-barbari-come-roma-fu-salvata-dagli-imperatori-soldati

SOSTENERE IL PODCAST

Ti piace il podcast? Sostienilo, accedendo all’episodio premium, al canale su telegram, alla citazione nel podcast, alle première degli episodi e molto altro ancora. Il modo migliore è aiutarmi mensilmente su Patreon

Se invece vuoi sostenerlo con una piccola donazione di qualunque importo, puoi da adesso sostenermi anche su Tipeee, è molto facile, clicca l’immagine in basso:

Ma puoi anche aiutarmi in altri modi, andando al link in basso:

Per un pugno di barbari

Vuoi acquistare “Per un pugno di barbari”? clicca ad uno dei link seguenti::

Per ordinare da una libreria indipendente (che fa sempre bene!) clicca al link seguente:


Vuoi sostenere Storia d’Italia in un altro modo? visita lo store!

►Informazioni sul mio libro “Per un pugno di barbari”:
https://italiastoria.com/libro/
►Trascrizioni episodi, mappe, recensioni, genealogie:
https://italiastoria.com/
►Facebook
Pagina: https://www.facebook.com/italiastoria
Gruppo: https://www.facebook.com/groups/italiastoria
►Comunità discord
Discord: https://discord.gg/cyjbMJe3Qk
►Instagram
https://www.instagram.com/italiastoria/
►Twitter
https://twitter.com/ItaliaStoria
►YouTube:
https://www.youtube.com/channel/UCzPIENUr6-S0UMJzREn9U5Q
►Contattami per commenti, idee e proposte di collaborazione:

info@italiastoria.com

Musiche di Riccardo Santato

https://www.youtube.com/user/sanric77

NEWSLETTER

Vuoi restare sempre aggiornato sulle novità di “Storia d’Italia”? Lascia la tua email per iscriverti alla mia newsletter! Basta inserirla qui in basso:

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell'elenco.

Grazie ai miei Patreon:

Livello Dante Alighieri: Musu Meci, Massimiliano Pastore, Manuel Marchio, Mauro, Marco il Nero, Massimo Ciampiconi

Livello Leonardo da Vinci: Paolo, David l’apostata, Massimo, Pablo, Simone, Frazemo, Arianna, Jacopo, Jacopo F., Riccardo, Enrico, Alberto, Davide, Andrea, Federico, Bruno, Settimio, Giovanni, Cesare, Jerome, Diego, Francesco, Alanchik, Flavio Ruggeri Fo, Edoardo Vaquer, Stefano Po, Luca Casali, Nicol Bagnasco, Carlotta lo dico, Mariateresa, John Ellis, Nicol Bagnasco, Lorenzo Fanelli, Claudio Capozzi, Norman Storello, Manuel Fiorini, Fasdev.

Livello Galileo Galilei: Davide, Francesco, Jacopo Toso, Riccardo, Stefano, Roger, Anna, Pierangelo, Luigi, Antonio, Giulia, Ezra, Andrea, Paola, Daniele, Mariano, Francesca, Gabriella, Alessio, Giovanni, Alessandro, Valerio, Angelo, Alberto, Viviana, Riccardo, Giorgio, Francesco G., Francesco B., Emanuele, Giacomo, Francesco M, Giacomo, Martina, Yuri, Lorenzo, Jamie, Gianluca, Danilo, Echtelion, Matteo, Valerio P., Guglielmo, Michele, Massimo, Tommaso J, e Francesco C., Stefano, Giulio S., Davide P., Elisabetta C., Don Fabrizio, Massimo S., Luca F, Luca Mottadelli, Dario Pirola, Venus Schiavonia, Annalaura Benincasa, Marcus Walker, Michael Kain, Nicola De Gasperi, Pietro Sancassani, Anna, Marco Modugno, Danilo Rinaldi, Luca Breccia, Paola Campi.

Grazie anche a tutti i miei sostenitori al livello Marco Polo!


Una tantum
Mensile
Annuale

Donazione una tantum

Donazione mensile

Donazione annuale

Scegli un importo

€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00
€5,00
€15,00
€100,00

O inserisci un importo personalizzato


Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Apprezziamo il tuo contributo.

Fai una donazioneDona mensilmenteDona annualmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.