Chi sono

Qualcuno ha chiesto informazioni su di me, sono abbastanza reticente a riguardo, ma molti sono curiosi quindi ecco una breve storia della mia vita!

Mi chiamo Marco Cappelli, ho 39 anni e sono abruzzese. Sono nato in un paesino di montagna della provincia dell’Aquila, Tagliacozzo, ma sono cresciuto a Pescara.

Ho studiato al liceo Classico cittadino e ancor prima di entrarci ho divorato una grande quantità di classici, sopratutto gli storici. Perchè la storia è una passione antica. 

Dopo la maturità mi sono trasferito a Milano per studiare in Bocconi. In uno scambio universitario in USA ho conosciuto mia moglie, di una famiglia russo-americana. Dopo esserci conosciuti e avere fatto un pò di spola tra Italia e USA abbiamo deciso di sposarci, il mese dopo la mia laurea e un giorno dopo il mio ventiquattresimo compleanno. 

Abbiamo vissuto insieme a Milano per 8 anni, lavorando entrambi nel marketing, io elettronica di consumo, lei una casa editrice. Poi nel 2012, durante le procelle della crisi finanziaria, ho pensato di cambiare aria. Mi sono trasferito in Belgio con tutta la famiglia e ora viviamo a Bruxelles. Nel frattempo siamo diventati quattro: le mie figlie parlano fluentemente francese, italiano e russo e anche un pò di inglese, cosa che non cessa mai di stupirmi, io che sono nato e cresciuto in una piccola (grande) città.

Lavoro nel marketing di una azienda USA ma ho sempre mantenuto una passione per la storia, leggo un pò di tutto e ascolto ancora di più. Ascoltando i podcast in lingua inglese ho iniziato a dare un’occhiata a quelli italiani e ho visto che non ce ne erano poi chissà quanti (in inglese davvero c’è quasi di tutto) e ho pensato…perchè no.

Ci ho rimuginato sopra per un 6 mesi buoni, anche solo per capire come registrare, diffondere un podcast, editare etc. Ho scelto la “Storia d’Italia” dalla caduta dell’impero Romano sia perchè non ci sono podcast che la narrino in modo complessivo sia perchè non è poi così conosciuta in Italia, neanche dagli appassionati. 

Ed eccomi qui, pronto a lavorare ancora di notte, quando il lavoro è terminato, la cena è consumata e le bambine sono a letto. Conto di continuare il ciclo “lettura, scrittura, recitazione, editing” per gli anni a venire. Spero vogliate seguirmi!

Annunci